Quanti libri

Letture e pensieri in libertà


Lascia un commento

Senza fiato

Tutta l’imponenza della natura (da rimanere senza fiato, appunto) e tutta l’impotenza dell’uomo nella cronaca di Jon Krakauer della spedizione sull’Everest cui partecipò nel 1996. Una tragica ascensione, una delle tante organizzate per finalità banalmente commerciali e per permettere a uomini e donne non sufficientemente preparati ad affrontare la grandezza e l’imprevedibilità del tetto del mondo di continuare a coltivare l’illusione dell’onnipotenza dell’agire umano.
Leggendo Aria sottile, si ha l’impressione di guardare dall’alto un formicaio che il semplice movimento di una mano potrebbe spazzare via.
Chissà se i tanti saliti lassù e che lassù sono rimasti hanno avuto il tempo di realizzare la piccolezza dell’uomo di fronte alla natura o se almeno questo è stato loro compassionevolmente risparmiato?

Annunci